Basket femminile: Under13 Bozzano si gioca il titolo regionale di categoria

 BRINDISI-  Appuntamento con la storia per le giovanissime ragazze Under13 della Polisportiva Bozzano Brindisi, che lunedì pomeriggio alle 17 affronteranno la Support O di Taranto per la finale regionale di categoria. Nell’importante cornice del Pala Cus di Bari in lungomare Starita, le biancoblu di coach Rosaria Balsamo cercheranno ci raccogliere un meritato titolo che porrebbe il Bozzano tra le più belle conferme del basket femminile. La società della presidentessa Cristina Carone (coadiuvata da Teodoro Carbonella) da anni rappresenta l’unica florida realtà del basket in gonnella del capoluogo per ciò che riguarda le leve più piccole. Molte delle ragazze più esperte sono attualmente in forza alla Under17 della Galaxy Basket Brindisi, dove si stanno facendo le ossa. Ma le belle realtà attuali sono le rose della Under 14 e Under13 entrambe allenate da coach Balsamo. Due squadre che raccolgono, di fatto, tutti i migliori talenti della città e della provincia, visto che ci sono cestiste che arrivano anche da Oria, Torchiarolo, Mesagne e persino Calimera. Anche perché qui sono nate, sportivamente, anche delle atlete che in questi anni hanno calcato i parquet di Serie A. Dopo un lungo percorso e soddisfazioni, adesso la finale regionale, un sogno che diventa realtà: “Siamo l’ unica società di basket femminile in provincia di Brindisi che partecipa ai due campionati regionali – afferma la presidente Carone -, e fungiamo da punto di riferimento. Molti Centri Minibasket ci hanno mandato delle ragazze, così come dal Basket Oria, dalla Mens Sana Mesagne e il Basket Calimera. Vogliamo pure ringraziare anche la Dinamo Basket Brindisi, con la quale è nata una bella collaborazione. Abbiamo una base di trenta atlete, e si può lavorare bene”. A lungo respiro, si punta a ricreare un polo di minibasket, come punto di crescita sportiva e sociale. Ma intanto c’è uno scudetto regionale da conquistare.

BrindisiOggi

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*