“Ciao amore di mamma. Ti amo”, lo straziante addio a Paolo

 FRANCAVILLA FONTANA – Una bara bianca coperta da orchidee chiare ai piedi dell’altare.  Il silenzio rotto solo dalle parole del sacerdote. E tanto dolore, e sgomento nella chiesa madre di Francavilla Fontana, dove questo pomeriggio  si sono celebrati i funerali di Paolo Stasi, il ragazzo di 19 anni ammazzato sotto casa con due colpi di pistola, il 9 novembre. Dopo quasi due settimane dall’omicidio non si conosce ancora chi ha sparato a Paolo e perchè. La famiglia è chiusa nel dolore. Un dolore composto in una cerimonia semplice. Tra i banchi anche gli amici e gli ex compagni di scuola, i compagni dell’istituto Alberghiero di Ceglie Messapica, dove a luglio Paolo aveva preso il diploma. In chiesa c’erano anche il sindaco di Francavilla Fontana Antonello Denuzzo e il legale della famiglia, l’avvocato Domenico Attanasi, presidente del consiglio comunale.

Paolo Stasi

Tra gli amici e i parenti nessuno ha voglia di parlare, non riescono a spiegarsi quello che è accaduto. < Sembra un incubo – dice un amico del ragazzo – ma poi perchè Paolo?>. I funerali sono stati officiati da monsignor Alfonso Bentivoglio: < La morte di Paolo ci deve aiutare ad amare la vita – afferma – la vita non ci appartiene del tutto e può esserci richiesta: non sprechiamo il nostro tempo in pettegolezzi, litigi, sotterfugi, ma utilizziamo i nostri giorni per fare del bene, anche quando dovessimo ricevere del male>. Ad attendere Paolo fuori dalla chiesa uno striscione della curva sud di Francavilla Fontana: “Così è la vita, in un istante tutto può cambiare. Ciao Paolo”.  E il silenzio della piazza si sente solo mamma Nunzia, che urla il suo ultimo saluto al suo bambino :<Ciao amore di mamma. Ti amo>.

 

Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*