Concessioni demaniali marittime, i balneari all’on. D’Attis: “Serve una modifica del decreto rilancio”

Poseidone articolo

BRINDISI- Il Sindacato dei Balneari di Confcommercio della provincia di Brindisi  scrive al parlamentare Mauro D’Attis (FI) affinché la Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati possa recepire (in sede di riconversione del cd Decreto Rilancio) alcuni emendamenti ritenuti particolarmente importanti per la categoria dei Balneari.

Tra questi, vi è il differimento al 2033 della scadenza delle concessioni demaniali marittime, impedendo alla pubblica amministrazione di procedere alle attività finalizzate a mettere a gara le porzioni di demanio marittimo in concessione.

Nel rilascio delle concessioni, poi, dovrà esserci il criterio del “caso per caso” per evitare che vi sia un’opera di supplenza della giustizia amministrativa nel caso di inerzia legislativa. Infine, nelle more del complessivo riordino dei canoni relativi alle concessioni demaniali marittime, sarà opportuno sospendere i procedimenti di decadenza per mancato pagamento dei canoni pertinenziali, unanimemente considerati ingiusti e insostenibili.

La Presidente di Confcommercio Brindisi Anna Rita Montanaro ed il Presidente dei Balneari Antonio Monaco chiedono all’on. D’Attis una particolare attenzione, “considerata la grande importanza che il turismo balneare riveste per il territorio brindisino e per la Regione Puglia”.

BrindisiOggi

Non Solo Pane

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*