Contratto di manutenzione aerei militari, Aresta: ” Una opportunità per il territorio brindisino”

BRINDISI- “La Direzione Armamenti Aeronautici e Aeronavigabilità ha finalmente dato il semaforo verde al contratto per il supporto-tecnico logistico della flotta dei C-130J dell’Aeronautica Militare. Un contratto importante dalla durata di almeno 5 anni e con uno sforzo economico complessivo di 380 milioni di euro che vede coinvolto un raggruppamento Temporaneo d’Imprese composto da Avio Aero, Leonardo e Lockheed Martin Aero. Si tratta di un primo e significativo riscontro alla nostra iniziativa istituzionale di questi mesi, fatta di atti d’indirizzo della Commissione Difesa e delle Camere, d’incontri con il Governo e le industrie del settore e di una concertata pressione delle forze sociali e delle istituzioni locali. Brindisi sarà al centro di questo importante contratto, sviluppando le attività di ricerca e valorizzando le grandi capacità e conoscenze tecnologiche presenti nel territorio.” Lo afferma, in una dichiarazione stampa, Giovanni Luca Aresta, Capogruppo M5S nella Commissione difesa della Camera dei Deputati.

“Non si tratta solo di una boccata di ossigeno – prosegue Aresta – ma questo contratto deve essere il primo di una serie che veda le nostre industrie in prima linea nell’ammodernamento e nella manutenzione della nostra flotta aerea sia militare che civile. Ho, a tal proposito, recentemente presentato al Ministro dello Sviluppo economico una interrogazione proprio sulla necessità di un piano per il rilancio della nostra aviazione civile che veda le industrie del Mezzogiorno, leader in questo comparto, al centro del progetto.”

“Con questo contratto – conclude Aresta – dimostriamo infine che la buona politica può veramente dare risposte alle esigenze del territorio, con posti di lavoro di qualità e con il coinvolgimento delle nostre eccellenze industriali e i nostri centri di ricerca.”

BrindisiOggi

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*