Debutto amaro per l’Happy Casa Brindisi che cede il passo a Verona sul finale

BRINDISI- La prima partita della stagione vede la Tezenis Verona imporsi dopo un overtime sulla formazione di Vitucci per 100-97 con la tripla allo scadere di Seldren. La stella del sud è visibilmente ancora in fase di rodaggio, e solo a tratti riesce a mostrare l’idea di gioco veloce ed in transizione, che Frank Vitucci richiede alla sua squadra. La scarsa lucidità in attacco ed un sontuoso Wayne Seldren hanno così impedito ai biancazzurri di trovare i primi due punti in campionato.

BRINDISI –   Dopo le sfortune ed i dolori della stagione passata, la Happy Casa Brindisi torna in campo nella prima giornata di stagione regolare. Di fronte, una neo promossa Tezenis Verona che ha costruito un roster di tutto rispetto guidato anche per quest’anno da Coach Alessandro Ramaglia.

L’Happy Casa Brindisi inizia subito la stagione con la  pesante assenza di Dikembe Dixon, a causa di un problema alla schiena. Ai box anche D’angelo Harrison ancora alle prese con il problema al ginocchio rimediato lo scorso campionato contro l’Olimpia Milano.

Inizia bene la partita l’Happy Casa che con i canestri di Burnell e Perkins si porta subito avanti per 9-2. Dopo un avvio difficile, però, entra in partita Verona che, con le triple di Anderson, realizza un parziale di 12-0 con il quale passa in vantaggio. Col passare dei minuti l’attacco biancoazzurro risulta troppo frettoloso ed impreciso nei contropiedi, mentre cerca di applicare quel run n’ gun con cui spesso Frank Vitucci ci ha fatto divertire. Negli ultimi minuti del primo tempo sale in cattedra Ky Bowman che si rende protagonista prima di un gioco da 3 punti e poi di un assist da gran giocatore per l’alley-oop di Junior Etou. Nell’altra metacampo, però, è un one man show quello messo in scena da Markeese Anderson che realizza un 3/4 da tre punti e consente alla Tezenis Verona di chiudere il primo quarto avanti per 27-18.

Nel secondo quarto, l’idea di Brindisi di sfruttare molto i primi secondi dell’azione, sembra mettere molto in difficoltà Verona, la quale commette 3 falli nei primi 2 minuti di gioco. Dall’altra parte, però, la Tezenis non smette di segnare dall’arco ed allunga sul + 12 andando  al riposo lungo in vantaggio per 51-39.

Anche nel terzo quarto continuano le difficoltà di Brindisi in attacco. Se da un lato Brindisi riesce a correre molto in contropiede, dall’altra parte la squadra di Vitucci sembra avere molti problemi ad attaccare con la difesa schierata. I biancazzurri cercano di alzare l’intensità in difesa e riescono a recuperare due palloni senza purtroppo realizzare punti. La partita si incattivisce ed aumenta notevolmente l’intensità messa in campo da Brindisi che con grande prepotenza torna a -3 con il tap-in di Burnell e costringe coach Ramaglia al time out. Dopo il timeout, l’Happy Casa Brindisi torna avanti con la tripla di Riisma ma non riesce a chiudere avanti la terza frazione di gioco a causa del buzzer beater di Anderson che riporta Verona avanti per 68-67.

L’ultimo quarto si apre con due triple di Burnell e Mezzanotte che regalano il +5 a Brindisi. La Tezenis riporta subito il punteggio in parità grazie alla tripla di uno straordinario Cappelletti. La partita diventa un testa a testa avvincente e le due formazioni danno vita ad una battaglia senza esclusione di colpi!

A 3’ dalla fine il punteggio è in parità a quota 84. Botta e risposta dall’arco con le triple realizzate rispettivamente da Cappelletti ed Etou con il punteggio che rimane in parità. A poco più di un minuto dalla fine Ky Bowman perde una palla sanguinosa e concede a Cappelletti di riportare avanti la Tezenis. Il punteggio torna nuovamente in parità con il 2/2 di Bowman ai liberi. A 17” l’ Happy Casa Brindisi si rende protagonista di una DISASTROSA rimessa, con Nick Perkins che commette un fallo antisportivo su Smith. Ancora più disastrose, però, sono le percentuali di Smith ai liberi, ed il suo 0/2 regala a Brindisi l’overtime sul punteggio di 89-89

Nel supplementare, Brindisi cerca di correre molto il contropiede, ma la forma fisica non ideale (tipica delle prime giornate di campionato) non consente all’attacco brindisino di essere lucido e causa molte palle perse. Per la Stella del Sud la beffa arriva nel finale quando, ad un secondo dalla fine, è Wayne Seldren (autore di 25 punti a fine partita) che regala la vittoria alla Tezenis con una tripla da 9 metri.

L’incontro si chiude con la vittoria della Tezenis Verona per 100-97.

Il prossimo incontro sarà Domenica 9 ottobre con l’ esordio stagionale al PalaPentassuglia contro Napoli per il primo derby del sud; palla a due fissata alle ore 18:00.

Leonardo Stomati

IL TABELLINO

 

TEZENIS VERONA-HAPPY CASA BRINDISI: 100-97 d.t.s. (27-18, 51-39, 68-67, 89-89, 100-97)

 

TEZENIS VERONA: Cappelletti 17 (6/7, 1/3), Selden 25 (5/8, 4/9, 5 r.), Holman 14 (2/2, 3/6, 6 r.), Casarin 6 (1/2, 0/2, 2 r.), Johnson (0/2, 1 r.), Imbrò 3 (0/1, 1/2, 1 r.), Candussi 3 (0/2, 1/2, 1 r.), Rosselli 2 (0/1, 0/1, 5 r.), Anderson 21 (0/4, 6/12, 3 r.), Udom (0/1 da 3, 1 r.), Smith 12 (6/9, 9 r.), Ferrari ne. All.: Ramagli.

 

HAPPY CASA BRINDISI: Etou 16 (3/6, 3/6, 8 r.), Burnell 13 (4/6, 1/2, 3 r,), Reed 15 (5/6, 1/3, 5 r.), Bowman 14 (2/7, 1/4, 7 r.), Mascolo 13 (5/9, 1/3, 3 r.), Mezzanotte 3 (0/1, 1/1, 2 r.), Riismaa 3 (0/1, 1/1), Bayehe (3 r.), Perkins 20 (7/11, 1/2, 6 r.), Malaventura ne, Bocevski ne. All.: Vitucci.

Leonardo Stomati

Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*