Furto di energia e un anno di pena residua per detenzione di droga: due arresti

BRINDISI – Furto di energia, arrestato e rilasciato. Un uomo di Brindisi, R.I. (queste le sue iniziali) di 23anni, in atto sottoposto agli arresti domiciliari per altro reato, avrebbe sottratto energia elettrica dalla rete pubblica per un valore pari a 3mila euro. L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato rimesso in libertà e riaccompagnato presso la propria abitazione per proseguire la misura degli arresti domiciliari.

L’attività è stata eseguita dai carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi.

Sempre a Brindisi i militari dell’Arma hanno tratto in arresto Cosimo Curto 50enne del posto poiché colpito da ordine di esecuzione per espiazione pena detentiva emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi, dovendo espiare la pena residua di 1anno, tre mesi  e 18 giorni di reclusione e 4mila euro di multa, in relazione al reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso in Brindisi il 3 aprile 2017.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità giudiziaria è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare.

BrindisiOggi

Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*