Il 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, anche la Fp CGIL in prima linea

BRINDISI- Migliaia di Donne ogni anno chiedono aiuto per uscire da una spirale di violenza che il più delle volte si consuma all’interno delle mura domestiche.

A molte di loro manca il supporto sociale per uscire da situazioni nocive  che in tantissimi casi le porta alla morte.

Solo nel 2022 si contano 82  omicidi di donne in  Italia di cui 72 in ambito famigliare.

Sono oltre 50.000 le donne che ogni anno  si rivolgono ai centri anti violenza per  sfuggire  ad episodi  violenti.

Sono donne che per  essere libere  hanno, però,  bisogno di avere un reddito sufficiente, un lavoro sicuro e dignitoso, una  tetto dove abitare e servizi pubblici che funzionano.

Non si può pensare di far rientrare  queste donne in un contesto familiare violento e pericoloso che mina  quotidianamente  la loro autostima e la loro salute psico- fisica.

Purtroppo  non tutte riescono  ad avere le tutele  necessarie.

Occorre, pertanto:

– garantire  un supporto economico finanziando, il reddito di libertà previsto dal DL 34/2020 oltre ad un accesso agevolato ai servizi e alle misure di contrasto alla povertà;

-estendere  da 3 ad almeno 6 mesi il congedo indennizzato per le donne vittime di violenza introdotto con il D.lgs. 80/2015 per assicurare il mantenimento del lavoro;

-introdurre criteri prioritari di accesso ai servizi pubblici per la gestione dei carichi di cura: asili nido, assistenza persone anziane, ecc.

-introdurre criteri preferenziali per le donne in fuoruscita dalla violenza per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica;

-istituire percorsi ad hoc per l’accesso alle politiche abitative che prevedano canoni calmierati, sospensione a cisto zero delle rate del mutuo sulla prima casa.

Anche sui  luoghi di lavoro  si registrano episodi di violenza nei confronti delle donne per   comportamenti aggressivi, per molestie e ricatti sessuali, per prevaricazioni.

Secondo il rapporto OIL- ILO 2019 solo 130 paesi al mondo hanno leggi che  proibiscono le molestie  e le violenze sul posto di lavoro.

Purtroppo è la mancanza di lavoro e la precarietà che ne consegue  a cui si innescano situazioni di indigenza  e di dipendenza  economica la causa principale di episodi di violenza.

L’OMS recentemente ha diffuso i dati dei tassi di violenza sulle donne dovuti   a disoccupazione, insicurezza economica e  aumento dei tempi trascorsi nelle mura domestiche strettamente legati al significativo aumento del numero delle vittime.

Purtroppo sono circa ottomila l’anno gli episodi codificati come aggressioni, minacce, violenze provenienti sia dall’interno sia dall’esterno del posto di lavoro accertati positivamente come infortuni dall’Inail; il 39% delle aggressioni è rivolto contro le donne.

La Legge 69/2019 ( c.d. codice rosso) rappresenta un importante strumento normativo nel contrasto alla violenza di genere che ha rafforzato le tutele processuali introducendo una corsia veloce e preferenziale per le denunce e le indagini relative alla violenza sulle donne introducendo pene molto severe.

Alla luce delle innovazioni normative non siamo più disposte a leggere sentenze “ di manica larga” nei confronti degli aggressori.

BrindisiOggi

 

Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*