“In meno di un anno bruciate 5milioni di tonnellate di carbone nella centrale sud, ma tutto tace”

INTERVENTO/ Nel Porto di Brindisi i dati raccontano della crescita notevole del quantitativo di tonnellate movimentate di merci nei primi sei mesi del 2022, più 41%, trainate dalle rinfuse solide +154% (carbone) rispetto al 2021.  Causa la crisi di approvvigionamento del gas, il Governo ha riattivato a pieno regime le centrali a carbone in Italia compresa quella  di Brindisi Sud Federico II e si prevede per quest’anno che la Centrale bruci  quasi 5.000.000 di tonnellate di carbone a fronte di 800.000 tonnellate degli anni passati! Un bel salto in avanti nel processo di decarbonizzazione!  E’ indubbio che l’economia del carbone come merce ha prodotto ricchezza per oltre 35 anni per l’indotto imprenditoriale locale  nelle attività all’interno della Centrale, nelle attività portuali, retroportuali, nella logistica dei trasporti e della movimentazione con quasi 3000 lavoratori impegnati a pieno regime.  Allo stesso modo è indubitabile che  il territorio abbia subito un danno ambientale e sanitario che probabilmente continuerà a produrre i propri effetti negli anni a venire! Premesso che il sindaco Rossi, le varie associazioni ambientaliste, i vari movimenti civici collegati ad una ambientalismo massimalista senza se e senza ma in passato (prima che la sinistra di Rossi salisse al governo cittadino) hanno sempre ed in ogni occasione manifestato aspramente e duramente (ed io aggiungo anche in alcuni casi giustamente) contro il carbone chiedendo addirittura l’utilizzo alternativo del Gas, premesso che negli incontri Enel/Governo/Comune di Brindisi non è dato sapere se per questo ulteriore “tributo” alla causa nazionale che Brindisi ed i suoi cittadini stanno dando al Paese siano stati previsti dei ristori per il territorio, premesso tutto ciò come mai sulla vicenda Enel e su quasi 5.000.000 di tonnellate di consumo del carbone previsti nel 2022 è calato un silenzio assordante da parte del sindaco Rossi, di BBC, delle varie associazioni ambientaliste, dei vari movimenti civici ambientalisti e massimalisti????

I brindisini hanno il diritto di sapere!

Sappia il sindaco Rossi che Fratelli d’Italia sarà al suo fianco se ci saranno azioni, provvedimenti o iniziative politico istituzionali a tutela del nostro territorio, a tutela dei brindisini, a tutela dell’imprenditoria locale, a tutela dei lavoratori. Noi abbiamo le idee chiare su come gestire e governare anche questa emergenza!

 Massimiliano Oggiano

Capogruppo Fratelli d’Italia Comune di Brindisi

Capogruppo Fratelli d’Italia Provincia di Brindisi

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*