La Giunta decide: “Il Comune parte civile contro Enel”. Consales chiede il consiglio monotematico

Poseidone articolo

BRINDISI- Il Comune di Brindisi si costituirà parte civile contro l’Enel. La decisione è stata assunta questa mattina dalla Giunta municipale con una delibera in cui è stata manifestata “inequivocabilmente”- si legge in un comunicato- “ la volontà di intervenire nel procedimento penale n. 1316/09 nei confronti di responsabili aziendali di Enel Produzione per reati connessi alla movimentazione di carbone su aree pubbliche e private”. In ogni caso “è stato conferito anche mandato consultivo all’Ufficio Legale dell’Ente per conoscere in via d’urgenza, e successivamente valutare in  via decisoria, se l’azione che si vuole intentare abbia o meno controindicazioni rivenienti dalla transazione sottoscritta con l’Ente elettrico”. In pratica da un lato il Comune pare oramai deciso a fare guerra ad Enel dall’altro però, in virtù della famosa delibera di Giunta del 22 febbraio 2010, vuol anche sapere a quali conseguenze andrà in contro. Il sindaco, Mimmo Consales, che nei giorni scorsi era sembrato particolarmente prudente in questa decisione , pur avallando la delibera della sua Giunta, ha chiesto ugualmente che la questione divenga argomento di un consiglio  comunale monotematico. “Il Comune di Brindisi – afferma il sindaco Consales – così come abbiamo ribadito dal primo giorno, non farà sconti a nessuno in tema ambientale e saprà distinguere il ruolo che le grandi imprese svolgono quando si rendono responsabili di comportamenti censurabili anche dal punto di vista penale e quando, invece, dimostrano concretamente di poter contribuire alla effettiva ambientalizzazione dei processi produttivi, con cospicui investimenti e positivi ritorni in termini occupazionali”. Quindi ribadisce il primo cittadino “Un argomento di tale rilevanza, in ogni caso, richiede un ruolo attivo e costruttivo di tutte le forze politiche ed è per questo che ho proposto lo svolgimento di una seduta monotematica sui problemi del Polo energetico brindisino. In quella sede, sarà possibile comprendere realmente chi ha a cuore le sorti dell’ambiente della nostra città assumendo decisioni coerenti e soprattutto efficaci; e sarà proprio in Consiglio che ognuno dovrà proporre soluzioni praticabili che vadano al di là dei semplici slogan”. Poche e semplici parole queste,  che il sindaco pare indirizzare a chi in questi ultimi giorni, ha sollevato polemiche sulla vicenda mettendo in dubbio la posizione del Comune nei confronti della società elettrica ma soprattutto dei cittadini. Un primo chiarimento che forse troverà maggiore sfogo nel prossimo Consiglio Comunale.    

                                                                                                                                                                  Lucia Pezzuto

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*