Oggi ad Ostuni la Festa del vino e dell’olio novello

OSTUNI – Il 14 novembre, dalle 19 alle 23, nel Chiostro di Palazzo di città a Ostuni,  si ripete per il nono anno consecutivo la “Festa del vino e dell’olio novello”. L’evento torna dopo un anno di stop dovuto all’emergenza pandemica per promuovere i sapori dell’olio e del vino tipici di questo periodo.

“San Martino, da sempre, è il giorno che celebra il vino novello e si trova nel pieno periodo di raccolta delle nostre straordinarie olive,riferisce il Sindaco di Ostuni Guglielmo Cavalloe noi riprendiamo questa bella tradizione di festeggiare i nostri sapori e gli odori dell’autunno con un evento ricco di intrattenimento e divulgazione culturale.”

La manifestazione è organizzata dal Gruppo Folk la Stella, forte di una grande esperienza, arricchita dall’autorevole collaborazione dei Sommeliers dell’Ais Puglia che presenta anche quest’anno la rassegna “Ottavianello e Susumaniello: due promesse per la Puglia del Vino” con banchi d’assaggio dei vini prodotti dai due vitigni autoctoni storici.

Grande occasione per gli appassionati poter conoscere, degustare e confrontare le peculiarità dei due vitigni nell’espressione caratteristica dei diversi produttori del territorio.

 

Le cantine presenti alla manifestazione saranno:

Tenute Rubino – Brindisi

Tenute Lu Spada – Brindisi

Az. Agr. Greco – Ostuni (Br)

I Pastini – Locorotondo (Ba)

Agricole Vallone – Brindisi

Villa Agreste – Ostuni (Br)

Trullo di Pezza – Torricella (TA)

Cantine Santa Barbara – San Pietro Vernotico (Br)

Paolo Leo – Sandonaci (Br)

Due Palme – Cellino San Marco (Br)

Botrugno – Brindisi

Felline – Manduria (Ta)

Leone De Castris – Salice Salentino (Le)

Montemarcuccio – Cisternino (BR)

Risveglio Agricolo – Brindisi

Menhir Salento – Bagnolo del Salento (Le)

Apollonio – Monteroni di Lecce (LE)

Le Vigne di Sammarco – Cellino San Marco (Br)

Il gruppo Folk La Stella delizierà i partecipanti con variegate tipicità gastronomiche: polpette,

Puccetedda, pettole, Panzerotto classico o nutella, Castagne

 

Una famiglia mostruosa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*