Ombre sull’assegnazione dei mercatini, il PRI: “Ora si faccia chiarezza”

INTERVENTO/ Non è mio costume intervenire su fatti di cronaca giudiziaria. Men che meno intromettermi in diatribe che riguardano altre forze politiche. Ma visto che la vicenda che è oggetto di aspre polemiche tra le forze di maggioranza che governano il Comune di Brindisi ed alcuni esponenti politici comunali e regionali si è ampliata sino a ricomprendere la gestione dei mercatini che vengono organizzati in occasione delle feste civili e religiose vorrei ricordare che nella Assiste  del 18 maggio scorso proposi un ordine del giorno, poi fatto proprio dall’intero Consiglio Comunale, con cui impegnavo Sindaco e Giunta a predisporre un apposito Regolamento che eliminasse ogni zona d’ombra che spesso caratterizza questo tipo di iniziative. In particolare proponevo che con il Regolamento si predisponesse un calendario delle date e delle ricorrenze in cui fosse possibile organizzare dei mercatini, stabilendone le modalità di svolgimento ed i luoghi in cui farli svolgere. E ancora che si prevedesse l’emanazione di un avviso pubblico da parte dell’Amministrazione per la scelta dell’Ente o della Associazione cui affidare l’organizzazione del mercatino stabilendo anche la tipologia di Enti ed Associazioni abilitate ad organizzarlo e prevedendo che le domande di partecipazione degli operatori fossero indirizzate alla Amministrazione che dovrebbe poi provvedere a smistarle all’Ente od Associazione individuata privilegiando la partecipazione dei commercianti brindisini.

Niente di tutto questo è stato purtroppo ancora fatto e appare quindi comodo, per tenere lontano dalla propria persona ogni tipo di responsabilità,  trincerarsi oggi dietro la circostanza che spesso sono gli stessi organizzatori a proporsi alla Amministrazione presentando una semplice Segnalazione Certificata di Inizio di Attività. Solo adottando regole certe, nel segno della più assoluta trasparenza, si possono evitare infiltrazioni o condizionamenti di alcun tipo. Non resta allora che augurarsi che nella direzione da me indicata si proceda senza ulteriore indugio.

 Il Capogruppo PRI

 (Gabriele ANTONINO)

Salone nautico di Puglia
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*