Omicidio Presta : trovata l’auto dei killer. Si segue la pista della droga

SAN DONACI- Trovata l’auto dei killer che questa notte hanno ammazzato a colpi di fucile Antonio Presta, il 29enne figlio del boss della SCU,  Gianfranco Presta, 51 anni. La vettura una Lancia Delta bianca è stata rinvenuta in contrada Uggio a pochi chilometri da san Donaci. Con quell’auto gli assassini questa notte si sono portati nei pressi della sala giochi di Via Tobagi, dove si trovava il 29enne. Incuranti della presenza di altre persone sono scesi dall’auto, i testimoni raccontano di aver visto tre persone con il volto travisato che hanno cominciato a sparare contro Presta. Il giovane ha tentato la fuga in mezzo ai tavolini di un bar ma i colpi d’arma da fuoco lo hanno raggiunto mortalmente al torace e alle gambe. Per Presta non c’è stato nulla da fare. Sotto la pioggia di proiettili è rimasto ferito anche un 22enne, Pierangelo Giuffreda, poi ricoverato in Ospedale. Le sue condizioni sono buone. Il ragazzo però non è stato in grado di fornire elementi utili all’identificazione dei killer. Le armi usate per uccidere Presta sono state rinvenute accanto al cadavere, un fucile calibro 12 ed una pistola calibro 38. Altre cartucce sono state ritrovate nell’auto, che dagli accertamenti è risultata rubata. Secondo alcune indiscrezioni sulle indagini condotte dai Carabinieri del Comando di Francavilla Fontana pare che gli investigatori non siano convinti della pista della vendetta mafiosa. Gianfranco Presta, padre del giovane, pentito della SCU e per alcuni anni anche inserito nel programma di protezione, pare non sia stato determinante con le sue dichiarazioni sulla SCU. Ma neppure le modalità dell’esecuzione di questa notte ricorderebbero il modus operandi della Sacra Corona Unita. Piuttosto pare che gli investigatori stiano battendo la pista del traffico di droga o addirittura una pista passionale. Al momento, ovviamente, non si esclude nulla. Antonio Presta negli anni precedenti si era reso responsabile insieme al padre di alcune rapine messe a segno in Romagna. Titolare dell’inchiesta sulla morte di Presta è il pm di turno Giuseppe De Nozza.   

                                                                                                                                              Lucia Pezzuto

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*