Partita la somministrazione della terza dose di anti Covid per gli operatori sanitari, oggi 200 vaccinazioni

BRINDISI- Partita la somministrazione della terza dose di anti Covid per gli operatori sanitari, oggi 200 vaccinazioni al Primula del Perrino di Brindisi. E’ cominciata questa mattina la somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid per gli operatori sanitari dell’ospedale Perrino di Brindisi. Secondo programma 200 sanitari saranno sottoposti a vaccinazione e via via il resto nei prossimi giorni sino a completare tutto il personale che onta oltre 1200 persone impiegate nel nosocomio brindisino. “E’ stata un’attività complessa, difficile. Abbiamo vissuto momenti complicati perché organizzare una vaccinazione di massa non è mai capitato nella storia della sanità pubblica. Ci siamo riusciti molto bene in Puglia e nella provincia di Brindisi. Sta andando molto bene. Abbiamo avuto molte adesioni , la gente inizia a crederci- ha spiegato il direttore generale della Asl di Brindisi, Giuseppe Pasqualone- Del resto i dati sono evidenti, il nostro ospedale è quasi Covid free. Sono rimasti solo tre pazienti , non in condizioni gravi . L’unico modo per ottenere questi risultati è vaccinarsi. Devo dire che a Brindisi gli operatori sanitari sono stati bravissimi , hanno lavorato bene, hanno superato i momenti peggiori alla grande. Ora è importante garantire la massima sicurezza nel periodo autunno inverno e garantire loro di lavorare in massima serenità”.

“Questa volta significa consolidare la protezione dal Covid, un grande immunologo internazionale, Anthony Fauci , ci ha raccontato per bene cosa ci guadagniamo , possiamo arrivare a 44 volte una protezione maggiore rispetto a quella che abbiamo avuto con la seconda dose- ha sottolineato il direttore del Dipartimento di Prevenzione, Stefano Termite-  Quindi una lunga protezione con questa terza dose che ci accompagnerà per circa un anno. Una grande opportunità che dobbiamo cogliere nel farla. Conviene farla perché in questi giorni stiamo avendo qualche caso di infezione da Covid con qualche sintomo anche nei vaccinati con la seconda dose della prima ondata . Cioè di chi si è vaccinato a dicembre e gennaio con la prima dose. Adesso qualcuno sta avendo l’infezione. Quindi conviene, soprattutto per chi si è vaccinato fare la terza dose ed avere la certezza di non infettare gli altri che purtroppo non si possono vaccinare per motivi di salute. Oggi sono in programma 200 vaccinazioni di operatori sanitari, nei prossimi giorni continueremo , anche domani a calendarizzare un po’ di più ogni giorno sino ad esaurire il numero di oltre 1000 sanitari nel giro di massimo dieci giorni”.

BrindisiOggi

Una famiglia mostruosa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*