Per l’isola di Sant’Andrea nasce l’Aps bon si candida per il Cis

SAMSUNG

BRINDISI- E’ nata a dicembre l’Associazione di Promozione Sociale BON – Brindisi Ostello Nautico. E’ nata (dopo più di tre anni di lavoro) ed è il soggetto giuridico con cui si vuole portare avanti il programma di valorizzazione dell’Isola di Sant’Andrea, richiesto dal Ministero delle Infrastrutture, con il progetto del villaggio eco-cin-etico BON, un vero paradiso ambientale e paesaggistico. Il gruppo non ha mai smesso di lavorare lungo il tortuoso percorso che ha dovuto affrontare. In questi anni il consenso territoriale e nazionale è stato molto ampio. La parte pubblica locale ha concesso la manifestazione di interesse del Sindaco Rossi ma, ora che non c’è tempo da perdere, ci aspettiamo una vera cooperazione utile a trovare fondi adatti per la progettazione tecnica e lo studio di fattibilità. Tutto è stato lasciato al gruppo dei volontari che comunque, fra mille ritardi dovuti al covid e tante altre variabili locali, sta portando avanti il lavoro di analisi e progettazione che presto sarà disponibile.

I fondi ci sono di tutti i tipi, la Regione Puglia chiede che vi siano progetti, è a caccia di progetti. La Provincia dovrà aiutare i comuni che non ce la fanno a progettare… Noi siamo un progetto serissimo e tenace dal basso. Il nostro appello di 11 soci fondatori brindisini-e-non, e di tanti altri aficionados, è: noi ci siamo e lavoriamo ogni giorno, ci aspettiamo che la parte pubblica voglia avvantaggiare velocemente questi processi. Non neghiamo che in questi anni ci sentiamo come nemo profeta in patria. Sul versante nazionale il progetto Bon è molto apprezzato, anche da grossi gruppi industriali, da decine di associazioni nazionali e da quelle locali particolarmente dell’area portuale come anche l’Autorità di Sistema Portuale che da tempo ha garantito la sua adesione. Anche la Prefetto Bellantoni lo ha giudicato encomiabile. Sono stati accanto a noi da sempre associazioni nazionali come gli Stati Generali delle Donne, Legambiente e Kyoto Club.

Il Bon è un progetto registrato al MISE, è il futuro più immediato per Brindisi, mira a un segmento peculiare di turismo, quello scientifico. E’ un laboratorio a cielo aperto di tutta l’innovazione sull’energia cinetica e le altre rinnovabili, immersi in ambiente con manufatti di alto pregio della Prima Guerra Mondiale di cui vogliamo occuparci. E’ un grande, verdissimo parco di divertimenti cinetico per adulti e bambini, è un ostello nautico con tutti i servizi annessi e quelli culturali realizzati in economia circolare. E’ un centro di formazione laboratoriale permanente su 12 obiettivi dei 17 dell’Agenda Onu 2030. E’ fuori dalla logica stagionale, attrae su Brindisi il circuito internazionale scientifico dei ricercatori e offre i pacchetti per studenti e universitari di ogni livello.

Ci siamo anche preoccupati di raccogliere le storie della gente vissuta sull’Isola di Sant’Andrea, che ci ha risposto con entusiasmo, e presto presenteremo la pubblicazione. Il Bon è tante altre cose, ma andiamo per lotti. Noi ci siamo e ci candidiamo per il Contratto Istituzionale di Sviluppo.

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*