Programmazione urbanistica, Contessa: ” I ritardi bloccano lo sviluppo e favoriscono il malaffare”

INERVENTO/Il territorio della provincia di Brindisi sta provando con ogni mezzo ad uscire da una crisi senza precedenti, che appare ben più grave rispetto a quella che investe l’intero paese. Pertanto non stiamo parlando solo degli effetti della pandemia o del conflitto bellico, ma di una situazione che affonda le radici nella mancanza di programmazione che riguarda indistintamente il comparto industriale e gli altri settori economici, a partire da quello turistico-ricettivo.

L’assenza di strumenti urbanistici ha un peso notevole in questa crisi, perché costituisce un freno a qualsiasi forma di sviluppo. Ciò che si è potuto realizzare ha scontato gli effetti di tale carenza e non è un caso che gli episodi di infiltrazioni del malaffare si registrano proprio dove è carente la pianificazione di un territorio.

Certo, in provincia di Brindisi ci sono delle eccezioni in termini positivi. Il riferimento è a Fasano, dove scelte coraggiose hanno consentito uno sviluppo armonico della costa che oggi appare una delle mete preferite a livello internazionale grazie agli insediamenti ricettivi che sono stati realizzati nel corso degli ultimi anni, soprattutto da imprenditori illuminati come, ad esempio, la famiglia Melpignano.

E non è tutto. Gli amministratori comunali di quel comune hanno appena completato la fase di progettazione partecipata che spiana la strada all’approvazione del Piano Urbanistico Generale.

Ovviamente i riferimenti non sono solo al turismo. A Francavilla Fontana, infatti, il Consiglio Comunale ha dato il via libera alla presenza di insediamenti commerciali anche nella zona PIP, rispondendo, in tal modo, ad una spiccata vocazione commerciale di questa città.

E, si badi bene, per l’Ance l’approvazione di strumenti urbanistici non deve mai significare ‘cementificazione’. Anzi! Con tali strumenti, infatti, si creano le condizioni per ridurre il consumo di suolo e, allo stesso tempo, si evitano abusi di ogni tipo.

E’ questo il motivo per cui Ance Brindisi chiede che si insedi un tavolo permanente con tutti i comuni della provincia, finalizzato a confrontarsi sull’approvazione degli strumenti urbanistici, rendendoli armonici tra loro, a beneficio di una crescita funzionale del territorio, scevra da logiche di campanile.

Angelo Contessa – Presidente ANCE Brindisi

 

 

 

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*