Rifiuti, Adoc: “Aumentano gli abbandoni per strada e scende la raccolta differenziata. Il Comune non parla”

BRINDISI- Rifiuti, Adoc: “Aumentano gli abbandoni per strada e scende la raccolta differenziata. Il Comune non parla”. Precipita l’indice di raccolta differenziata nella città di Brindisi e la colpa è degli ammassi di rifiuti che la gente continua ad abbandonare per strada. L’Adoc, tuttavia, punta il dito, sul silenzio dell’amministrazione comunale e sui pochi controlli, a suo dire, che vengono fatti in città.

“A molti in queste settimane non sarà sfuggita la massiccia campagna di “comunicazione”, corredata da corposi reportage fotografici, attuata sui social da Ecotecnica, società affidataria del servizio di igiene urbana, sul tema degli abbandoni dei rifiuti in città. Una mole di materiale che non lascia spazio ad interpretazioni circa la matrice degli abbandoni e la totale assenza di controlli sul territorio e di azioni di contrasto al fenomeno- dice l’Adoc- Per tipologia di rifiuti e quantità nella maggior parte dei casi tutto lascia presagire non esclusivamente all’azione di singoli ma a vere e proprie attività che dallo smaltimento illecito dei rifiuti hanno basato il loro affare. A farne le spese i cittadini alle prese con vaste zone della città rese impresentabili ed insicure, per la presenza anche di rifiuti nocivi e pericolosi, ed un servizio di raccolta inadeguato rispetto alle reali necessità. Di contro registriamo un’amministrazione silente ed inoperosa nonostante le dichiarazioni di intenti ed i proclami. Ci chiediamo cosa abbiano sortito l’installazione delle fototrappole, qualora abbiano mai funzionato, e quali siano i protocolli per il controllo del territorio. Al momento stante la situazione registrata di degrado ed abbandono e con un livello di raccolta differenziata fermo al 44.65% l’Adoc di Brindisi ritiene che la situazione sia letteramente fuori controllo. Invitiamo, quindi,  chi di competenza a mettere in campo azioni utili ad un’inversione di tendenza a beneficio dell’ambiente, dell’immagine, la sicurezza e la vivibilità  della città”.

BrindisiOggi

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

1 Commento

  1. Quel 44,6% rispecchia,più che altro, anche in maniera molto ottimistica la percentuale di cittadini che hanno un minimo senso civico rispetto alla diffusa e dilagante inciviltà del brindisino medio.
    Come vedete il “brindisino medio” è nettamente in vantaggio.
    La differenziata andrebbe implementata eliminando questa gente che è degna di finire in discarica al pari dell’immondizia e dello schifo che produce, come scarto putrido.
    E pensare che volevate pure candidarvi a capitale della cultura…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*