The Vampires Diares: quando l’amore morde

RUBRICA 40 MINUTI- Una serie creata da Kevin Williamson e Julie Plec e ispirata alla saga fantasy Il diario del vampiro di Lisa J. Smith. Se state cercando una serie leggera, piena d’intrighi amorosi e che vi tenga incollati al vostro personal computer, questa è quella giusta.
Trama – La protagonista di questa storia è Elena Gilbert, una comune liceale che però, insieme al fratello Jeremy, sta affrontando un momento poco felice della sua esistenza: la tragica morte dei genitori a causa di un incidente stradale. I due ragazzi vivono con la giovane zia Jenna, diventata la loro tutrice. Elena fa di tutto per ritornare a vivere nella sua tranquilla città di Mystic Falls (Virginia), scrivendo ancora i suoi pensieri sul suo diario, come se nulla fosse cambiato e come se tutto dovesse ritornare esattamente com’era prima. La vita procede in modo monotono ed Elena riabbraccia, dopo una lunga estate, le sue amiche di sempre Caroline Forbes e Bonnie Bennett, ma tutto viene stravolta dall’arrivo in città di un ragazzo misterioso Stefan Salvatore. Di lì a poco la vita di Elena verrà stravolta da una serie di eventi che la sorprenderanno e la sconvolgeranno fino a farla affacciare a un mondo magico che qualche giorno prima credeva potesse esistere solo nel mondo dei sogni: i vampiri!!!
I fratelli Salvatore – Stefan non è l’unico ragazzo misterioso che arriva a Mystic Falls. Già da qualche giorno circolava l’altro fratello Salvatore: Damon. I due fratelli hanno un rapporto veramente particolare, all’inizio della serie sembrano davvero non sopportarsi, anzi si percepisce addirittura dell’odio fra i due, soprattutto di Damon nei confronti di Stefan. I Salvatore mostrano fin da subito le loro differenze caratteriali: Stefan viene descritto come un ragazzo burbero, di poche parole e sempre malinconico (solo nel corso delle stagioni capirete il perché), Damon invece viene presentato come il fratello maggiore scherzoso, incosciente ed egoista che spesso si caccia in guai molto seri. Il tutto tra i due si complica quando entrambi s’innamorano della stessa ragazza. Durante le stagioni, soprattutto nelle ultime, viene calcata la mano sul rapporto tra Stefan e Damon e sulle loro innumerevoli discussioni e riappacificazioni. Nello stesso modo in cui la serie va avanti con le stagioni, la forza e l’intensità del loro legame aumenta fino a sciogliere definitivamente i nodi che si erano creati, ma non posso dirvi di più perché altrimenti svelerei troppe cose! Una scelta dei registi che ho molto apprezzato è che ci hanno tenuto, nel gran finale, a inserire un rimando alla prima puntata facendoci ricordare attraverso quell’addio, la scena in cui i fratelli Salvatore ci diedero il benvenuto.
Gli Spin-off – Ormai è consuetudine, quando si finisce una serie controllare se in giro per il web vi sono degli spin-off che raccontano la storia di qualche personaggio secondario che magari ci era particolarmente piaciuto. Io personalmente non me ne perdo uno, nella maggior parte dei casi perché sono così dispiaciuta che la serie sia finita, che non voglio staccarmi del tutto dai personaggi o dal mondo che ho visto per settimane, ma cosa succede? Gli spin-off non sono mai stati all’altezza della serie originale, penso a quella sottospecie di mini serie collegata a Pretty Little Liars che ovviamente fu sospesa perché non degna assolutamente o ad altre pallide imitazioni dell’originale che dopo una stagione sono state soppresse immediatamente. Ma The Originals, lo spin-off di The Vampire Diaries, è l’eccezione che conferma la regola. Questo spin-off parla della prima famiglia di vampiri esistiti, i Mikaelson, che dopo essere comparsa per qualche stagione a Mystic Falls, decide di tornare a New Orleans, città che gli stessi originali contribuirono a costruire, ma che poi sono stati costretti ad abbandonare. La serie conta cinque stagioni, che ti soddisfano dalla prima all’ultima e il finale, devo ammetterlo, dal mio punto di vista supera di gran lunga il finale di The Vampire Diaries. Quindi per chi abbia rinunciato in partenza perché stufo degli spin-off deludenti, ripensateci. The Originals merita davvero tanto.
Rassegna – Questa è una serie non molto impegnativa ma che nonostante tutto riesce a catturare l’attenzione fin dalle prime puntate. È presente il giusto grado di mistero in ogni stagione e poi vi è sempre quel groviglio sentimentale che non guasta mai e, come già sappiamo, i triangoli amorosi funzionano dai tempi di Dawson’s creek, quindi perché non riproporli sostituendo due migliori amici che amano la stessa donna con due fratelli? Vi annuncio già che ci sono delle vere e proprie tifoserie al riguardo. Le stagioni dalla prima alla sesta sono ben strutturate e interessanti, ma sulle ultime due ho qualche riserva. Purtroppo non posso dilungarmi su questo punto (spoiler), ma la fine della sesta stagione crea un vuoto troppo grosso nella trama, forse avrebbero dovuto inserire lì un gran finale. The Vampire Diaries è una serie molto divertente, diversi sono i personaggi ironici che hanno sempre la battuta pronta, tra questi il mio preferito è assolutamente Damon. Oltre il legame fraterno, un altro tema molto presente in questa serie è l’amicizia, in tutte le sue forme: le amicizie appena nate, quelle storiche, quelle con qualche incidente di percorso, quelle che non si vedono da tempo ma non hanno mai spesso di funzionare, quelle che si sono interrotte …. insomma in questa serie c’è molto per cui commuoversi!!
Da vedere? – Sì.

Voto complessivo – 7 e mezzo
Scheda informativa
Genere: horror, fantasy, drammatico, sentimentale.
Stagioni: 8
 1° Stagione (2010) 22 puntate da 40 minuti.
 2° Stagione (2011) 22 puntate da 40 minuti.
 3° Stagione (2012) 22 puntate da 40 minuti.
 4° Stagione (2012\’13) 23 puntate da 40 minuti.
 5° Stagione (2014) 22 puntate da 40 minuti.
 6° Stagione (2015) 22 puntate da 40 minuti.
 7° Stagione (2016) 22 puntate da 40 minuti.
 8° Stagione (2017) 16 puntate da 40 minuti.

Alberta Esposito

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*