Ventidue nuovi casi in Puglia per uno necessario il ricovero

Poseidone articolo

BARI – Ventidue nuovi casi in Puglia, nessuno nel Brindisino. Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi sabato 15 agosto 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.745 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 22 (ventidue) casi: 7 casi residenti in provincia di Bari, 13 casi residenti in provincia di Foggia, 2 casi residenti in provincia di Taranto. Non sono stati registrati decessi

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 266.293 test. 3.981 sono i pazienti guariti. 308 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.843, così suddivisi: 1.578 nella provincia di Bari; 390 nella provincia di Bat; 681 nella provincia di Brindisi; 1.266 nella provincia di Foggia; 606 nella provincia di Lecce; 290 nella provincia di Taranto); 32 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

“Nelle ultime 24 ore – spiega il direttore generale della Asl di Bari, Antonio Sanguedolce – il nostro Dipartimento di prevenzione ha individuato 7 nuove positività al Covid19. Si tratta di 4 rientri dalla Grecia e uno da Malta. Per due casi, invece, sono in corso approfondimenti. Per uno dei nuovi positivi si è reso necessario il ricovero ospedaliero”.

“Oggi in provincia di Foggia sono stati registrati 13 nuovi casi di persone positive al COVID 19 – rende noto il Direttore generale della ASL Foggia Vito Piazzolla -. Di questi: 4 sono collegati a focolai preesistenti; 1 è stato individuato grazie alla  segnalazione di un medico di famiglia; in 2 casi di tratta di cittadini stranieri presenti sul territorio provinciale; gli ultimi 6 sono cittadini della provincia di Foggia di rientro da Malta, Spagna e Polonia”.

I casi registrati a Taranto riguardano un rientro dalla Spagna e un paziente sintomatico. Lo spiega il Dg della Asl Taranto, Stefano Rossi, precisando che “il dipartimento di prevenzione è al lavoro per ricercare i contatti stretti e provvede alla sorveglianza sanitaria. Ancora una volta l’appello è all’autosegnalazione e alle precauzioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*