Vertice su Formica chiesto incontro a Vendola: solo tre consiglieri presenti, e Romano risponde al suo Pd

BRINDISI- L’invito era esteso  a tutti i consiglieri regionali, ma  erano presenti solo Pino Romano (Pd), Maurizio Friolo (Forza Italia) e Antonio Scianaro (Forza Italia), mancano Giovanni Brigante (La Puglia per Vendola), Giovanni Epifani,  Fabiano Amati, entrambi Pd e Euprepio Curto (Udc). All’ordine del giorno: i rifiuti baresi smaltiti nella discarica di rifiuti speciali di Formica Ambiente nelle campagne tra Brindisi e San Vito. Lo scopo quello di chiedere al presidente delle Regione Puglia il ritiro dell’ordinanza con la quale a novembre ha stabilito lo smaltimento nel sito brindisino. Il vertice è stato convocato dai sindaci di Brindisi Mimmo Consales e di San Vito Alberto Magli.

La conclusione è stata quella di chiedere a Vendola un incontro per discutere di tutta l’area che comprende anche Formica, quindi contrada Autigno e Mascava, dove si trova anche la discarica comunale, dove da oltre un anno e mezzo vengono scaricati i rifiuti del nord barese. “Chiederemo a Vendola un incontro- spiega Pino Romano- per analizzare la situazione complessiva di tutta l’area e per stabilire cosa fare, considerando le istanze anche dei residenti della zona”.

Un’azione politica quindi, anche se in realtà giuridicamente la legge permette questo smaltimento nei territori di prossimità. A questo però si potrebbe aggiungere solo la richiesta di un risarcimento da parte del territorio interessato.

Intanto il consigliere del Pd Romano replica agli attacchi che qualche giorno sono stati fatti dal suo partito cittadino, che aveva accusato i consiglieri democratici dell’area brindisina di essere lontani dalle esigenze del territorio. “Attacchi non pertinenti- dice Romano- siamo in campagna elettorale, non c’è lucidità. Io riesco ad essere distaccato. Le liste non si fanno in base al fatto che qualcuno deve essere eliminato perché ha più voti di te”.

Lu.Po.

Salone nautico di Puglia
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*