Carabinieri investiti mentre aiutavano una donna: “Ho pensato alle mie bambine, tornassi indietro lo rifarei”

BRINDISI – “Quando l’auto mi ha investito ho pensato subito alle mie bambine, ma tornassi indietro rifarei tutto”. Sono le parole del brigadiere dei carabinieri Damiano Mele rimasto ferito ieri sera insieme al collega, appuntato scelto Giuseppe Tarantini, mentre intervenivano per mettere in salvo una donna coinvolta in un altro incidente stradale. I carabinieri questa mattina sono stati dimessi dall’ospedale e finalmente hanno fatto rientro a casa rispettivamente con una prognosi di 25 e 15 giorni.

I militari dell’Arma possono ritenersi miracolati dopo l’incidente stradale avvenuto ieri sera sulla statale Brindisi-Bari all’altezza del garage Minnuta prima dello svincolo per l’aeroporto. I carabinieri hanno riportato escoriazioni e contusioni su tutto il corpo.

“E’ stato terribile, – continua il brigadiere Mele a BrindisiOggi.it – è successo tutto in pochi secondi. Io e il mio collega eravamo appena giunti sulla variante dove si era fermato il pullman in panne avevamo azionato i lampeggianti quando la Fiat Punto si è scontrata contro la parte posteriore del mezzo. Alla guida della vettura c’era una donna che a causa dello scoppio  dell’airbag aveva perso il controllo finendo contromano. La signora vagava per strada.  Pur di bloccarla ed evitare ulteriori incidente io e il mio collega abbiamo iniziato ad urlare. Quando finalmente siamo riusciti a fermare la conducente della Punto è sopraggiunta un’altra autovettura che ci ha investiti”.

“Io sono stato sbalzato sul guardrail. In quel momento ho pensato subito alle mie bambine. Sono rimasto sempre cosciente. E’ stata un’esperienza terribile, ma oggi la possiamo raccontare ed è una fortuna. Se tornassi indietro rifarei tutto perchè il nostro lavoro ci porta a mettere in primo piano l’incolumità delle persone ed io e il mio collega siamo orgogliosi di aver salvato la conducente dell’auto e l’autista del pullman” conclude il militare dell’Arma.

Il brigadiere Mele ha riportato due costole inclinate e diverse contusioni ed escoriazioni su tutto il corpo. I medici dell’ospedale Perrino, dove è stato ricoverato dopo l’incidente, hanno giudicato le ferite guaribili con una prognosi di 25 giorni mentre all’appuntato Tarantini di 15.

L’incidente stradale è avvenuto ieri sera (29 maggio) intorno alle 21 sulla statale 379. Dalla ricostruzione effettuata dagli agenti della Polstrada, un pullman in panne si era fermato sulla variante. Una pattuglia dei carabinieri sopraggiunta immediatamente sul posto ha azionato i lampeggianti per indicare il pericolo. Il pullman aveva lasciato una scia di olio sulla carreggiata. Molto probabilmente è stato proprio l’olio a far perdere il controllo dell’auto alla guida della Fiat Punto. Identica situazione per la Fiat Multipla, che ha poi investito i due carabinieri.

Un intervento ammirevole che ha visto impegnati due carabinieri in servizio alla compagnia del comando provinciale di Brindisi, militari sempre pronti a gestire emergenze.

Maristella De Michele

 

Non Solo Pane

1 Trackback / Pingback

  1. Travolti da un'auto salvando altre vite: sindaco elogia due carabinieri |

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*