Dieci nuovi casi in Puglia ma tutti nel Foggiano (con 83 isolamenti), e un decesso nel Brindisino

Poseidone articolo

BRINDISI – Dieci nuovi casi in Puglia, ma tutti nella provincia di Foggia. Zero casi nel Brindisino ma purtroppo con un decesso con Covid. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 27 maggio  in Puglia, sono stati registrati 2.626 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 10 casi tutti nel Foggiano. E’ stato registrato un decesso in provincia di Brindisi.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 109.499 test. Sono 2.471 i pazienti guariti. 1.513 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.479 così divisi: 1.473 nella Provincia di Bari (un caso è stato eliminato dal database); 383 nella Provincia di Bat; 651 nella Provincia di Brindisi; 1.152 nella Provincia di Foggia; 511 nella Provincia di Lecce; 280 nella Provincia di Taranto; 28  attribuiti a residenti fuori regione; 1 per i quali è in corso l’attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 27-5-2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/UAqT3

Con riferimento alla situazione della Provincia di Foggia e in particolare al focolaio individuato il 24 maggio del nucleo familiare di 5 persone risultato positivo al coronavirus, il direttore della ASL di Foggia Vito Piazzolla comunica che la Asl ha sottoposto a sorveglianza sanitaria 83 persone che quindi si trovano in isolamento. Al momento sono risultate positive altre 9 persone. Delle persone positive nell’ambito di questo focolaio, 3 hanno avuto necessità di ricovero.  Le altre sono in quarantena domiciliare e le loro condizioni di salute sono buone.

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*