Parco Bove, i residenti chiedono il rinvio degli sgomberi, il pm: “C’è un sequestro penale e sono inagibili”

Poseidone articolo

 

BRINDISI- Baracche di Parco Bove, i destinatari delle ordinanze di sgombero chiedono al Procuratore aggiunto, Antonio Negro, una proroga sino a settembre, il pm: “Le abitazioni sono inagibili, non mi assumo questa responsabilità”. Un buco nell’acqua per le quattro famiglie che questa mattina attraverso il Comitato residenti Parco Bove e il loro avvocato, Carlo Zecca, hanno incontrato il magistrato del tribunale di Brindisi, Antonio Negro, titolare dell’inchiesta sugli abusivi. Le quattro famiglie chiedevano un rinvio degli sgomberi sino a settembre in modo da poter formalizzare la loro posizione attraverso una sanatoria ed accedere alla graduatoria per ottenere un alloggio popolare.  “Abbiamo chiesto un rinvio a settembre- ha detto Roberto Aprile, portavoce del Comitato- quando saranno pronte le nuove abitazioni popolari alla Torretta”. Ma il procuratore, contattato da noi telefonicamente, ha chiarito:  “C’è un sequestro penale, io sono tenuto ad eseguirlo. Il sequestro è dovuto all’occupazione abusiva ma a questo si aggiunge anche l’inagibilità delle abitazioni. Io non posso assumermi la responsabilità di lasciare quelle persone in quelle abitazioni. Del resto tutta il complesso di Parco Bove è inagibile ma io non sono l’amministratore e procedo per il sequestro. L’amministratore è il Comune che si assume la responsabilità delle altre abitazioni”. Il Comitato dei residenti Parco Bove non concorda con il pm sulla questione dell’agibilità perché ritiene che “l’agibilità manchi almeno a metà delle case brindisine , popolari e non , e perfino scuole”. Il Comitato, così, ha riferito che darà mandato in queste ore ad un ingegnere per confermare che non vi sono problemi di cedimento delle strutture murarie e si  è detto “pronto a denunciare mezzo mondo se per tanti anni le diverse amministrazioni hanno fatto vivere tante famiglie in queste condizioni”. “Crediamo che l’amministrazione , in forte difficoltà economica , non possa intervenire come per i primi 4 sgomberi- ha detto Aprile- da qui la forte determinazione del Comitato a solidarizzare con le  quattro famiglie il cui destino prefiguriamo essere  solo quello della strada . Per questo motivo inviterò le quattro  famiglie , tutti i residenti di Parco Bove , tutti i cittadini brindisini di buona volontà, ad opporsi a decisioni che ci sembrano profondamente sbagliate anche dal punto di vista legale. Ci opporremo con tutte le nostre forze”.

BrindisiOggi

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*