Rapporto sul turismo in Italia: la Puglia al dodicesimo posto, Brindisi l’ultima delle sue province

Poseidone articolo

BRINDISI-  La Puglia al dodicesimo posto delle Regioni italiane  nel settore del turismo, tra le province pugliesi Brindisi è ultima subito dopo Bari.

Il territorio pugliese registra 13,5 milioni di presenze turistiche, ai primi posti si confermano il Veneto con 63,2 milioni, la Toscana con 44,3 milioni e la Lombardia con 37,8 milioni. A confermare questi dati è il Rapporto sul Turismo 2017, curato da UniCredit in collaborazione con Touring Club Italiano, nel quale vengono analizzati i dati più recenti e le tendenze del settore turistico sia nel mondo che nel nostro Paese, con un’attenzione particolare alle diverse performance regionali. Per quanto riguarda invece la distribuzione percentuale delle presenze turistiche nelle province pugliesi risulta in testa Foggia con il 32,2% del dato complessivo regionale e, a seguire, vi sono Lecce (31,7%), Bari (13,3%) e Brindisi (12,8%).

 

L’industria turistica italiana vale oltre 70 miliardi di euro (ovvero il 4,2% del Pil) che salgono a 172,8 miliardi di euro (il 10,3% del Pil) se si aggiunge anche tutto l’indotto.

Per quando riguarda l’offerta ricettiva, nel 2015 la Puglia si è attestata al 10° posto in Italia per numero di esercizi turistici (5.702) e al 6° posto per numero di letti totali(284.041). Nel quinquennio 2010-2015 inoltre l’offerta ricettiva della Puglia ha registrato un significativo incremento di letti totali pari al 18,9% (+3,8% il dato medio Italia). Un dato interessante riguarda poi la distribuzione dei posti letto regionali per tipologia di struttura ricettiva: nel periodo considerato il 43,1% dei posti letto è stato offerto da campeggi e villaggi turistici,  il 35,0% da alberghi, il 9,9% da alloggi in affitto, il 7,7% da B&B e  il 3,7% daagriturismi.

Nel Rapporto si evidenziano poi i principali mercati esteri di provenienza che per la Puglia nel 2015 sono stati, nell’ordine, la Germania (25,4%), la Francia (10,3%) e la Svizzera (9,0%).  Inoltre, il settore turistico pugliese ha una quota del 4,9% sul valore aggiunto nazionale, dando lavoro a oltre 65.000 addetti (distribuiti fra alloggio e ristorazione) con una quota dell’8,8% sul totale occupati in Italia.

Una sezione del Rapporto si concentra poi su “I turismi in Italia”. Il modo di fare turismo è infatti cambiato negli anni: essendo un fenomeno sociale ancor prima che economico, il settore è influenzato dall’evoluzione dei bisogni dei viaggiatori e da una serie di fattori “esogeni” che hanno effetti combinati sui comportamenti individuali. La tecnologia, ad esempio, ha inciso profondamente nelle modalità di guardare al mondo dei viaggi ampliando a dismisura la possibilità di reperire informazioni, rivoluzionando il tradizionale concetto di intermediazione, riducendo di conseguenza l’asimmetria informativa tra produttore e consumatore e offrendo a quest’ultimo la possibilità di generare contenuti propri e di diffonderli in modo pervasivo attraverso gli strumenti social.

BrindisiOggi

 

http://www.mesagne.gallerieauchan.it/mobile/messaggio_home.php

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*