Il sindaco e il segretario del Pd contro la riduzione della stazione fanno appello a Toninelli: “Problemi di sicurezza”

BRINDISI – Il sindaco Riccardo Rossi interviene sulla decisione di Ferrovie dello Stato di depotenziare la stazione Ferroviaria di Brindisi:  “Apprendo con preoccupazione della decisione del Governo di ridurre il controllo per la stazione ferroviaria di Brindisi. Una decisione che come amministrazione non condividiamo e che potrebbe causare seri problemi di sicurezza anche a causa dell’attuale situazione: a Brindisi infatti sono in corso i lavori per la realizzazione del raccordo ferroviario voluto da Rfi. Proprio per questo riteniamo sconsiderata la scelta di privare Brindisi di operatori che oggi garantiscono la sicurezza. Diminuire la loro presenza porterà inevitabilmente a creare problemi per i treni merci che, in questa città, trasportano anche sostanze pericolose. Chiedo con forza al ministro ai Trasporti Danilo Toninelli, di tutelare il nostro territorio e la sicurezza di cittadini ed operatori. Non è accettabile che il Governo abbia deciso di procedere in questa direzione”.

Sulla questione interviene anche il segretario cittadino del Pd di Brindisi Francesco Cannalire: “La scelta di RFI di gestire i flussi ferroviari della Stazione di Brindisi da remoto, seppur dovuta a investimenti in tecnologia avanzata, non può essere sostenuta sia nel metodo che nel merito. Non condividere con il territorio, e quindi con la rappresentanza politica e con le organizzazioni sindacali e datoriali, una riorganizzazione così importante è una decisione improvvida e ingiustificata. In particolare, il ridimensionamento del personale e di figure specializzate nella gestione del traffico ferroviario della Stazione di Brindisi porterà evidenti disagi sia per flussi passeggeri sia per quelli merci, molto intesi nello scalo brindisino. Non secondarie, infatti, sono le implicazioni in materia di sicurezza che tale scelta potrebbe comportare proprio nella gestione del traffico merci, soprattutto se pericolose.
Il Partito Democratico di Brindisi ha sempre aderito, dando il proprio sostegno anche attraverso la mobilitazione dei propri rappresentanti ad ogni livello, alle battaglie di tutela dei posti di lavoro e per la sicurezza come è stata la posizione avverso il piano industriale di Enav, e lo faremo anche questa volta interessando i nostri parlamentari e consiglieri regionali.
È ovvio che il mio appello va soprattutto ai rappresentati locali e regionali del Movimento 5 Stelle e della Lega, affinché possano sensibilizzare il Governo, in particolare il Ministro dei Trasporti per far sospendere tale decisione ed aprire un confronto con l’Ammistrazione comunale di Brindisi, che ha in corso d’opera un progetto per portare fuori dall’agglomerato cittadino il traffico merci, e le organizzazioni sindacali e datoriali per valutare in dettaglio le scelte aziendali di RFI che riguardano Brindisi”

Non Solo Pane

1 Commento

  1. Perché, forse non lo sapeva? Va a finire che si stravolge la vita di una stazione ferroviaria lintermodale ed il sindaco non lo sa? Ma per favore.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*