Incidente al Paradiso, il comandante Nigro risponde al nostro lettore: “I cittadini devono rispettare i segnali”

BRINDISI- Riceviamo e pubblichiamo un intervento del comandante della polizia municipale, Teodoro Nigro, in risposta ad un commento riportato da un nostro lettore sul servizio “incidente al rione Paradiso”.

Gentile Direttore ,

ritengo utile e proficuo ritornare sull’argomento sicurezza stradale in città – già trattato in occasione del grave fenomeno della sosta selvaggia -allorquando , il Suo lettore che ringrazio per lo spunto riflessivo , ha commentato il sinistro stradale accaduto nella serata di ieri  ,  giovedì ,  in via N. Brandi angolo via P.le San Vito .

 Non potendo entrare nel merito delle cause o concause che hanno prodotto lo scontro tra due utilitarie in uno degli snodi di traffico fondamentali per la città è opportuno sottolineare    come siano importanti ai fini della fluidificazione del traffico e della regolarità di transito i rondò ; gli stessi che da quando sono stati inaugurati dalla Amministrazione Comunale all’ingresso del quartiere Casale lungo la via B. Brin , non fanno registrare , definitivamente , nessuna tipologia di incidente .   E questo è il dato da evidenziare .

 In passato personale della Polizia Municipale unitamente ai tecnici dell’ufficio Traffico competenti per le problematiche degli impianti semaforici ha messo mano , a più riprese , ai tempi di durata del segnale verde e del rosso ma senza registrare miglioramenti rispetto all’assetto attuale . L’intersezione è di snodo e di intenso traffico e deve , altresì , fare i conti con un’area pertinenziale destinata al parcheggio “privato”  del vicino condominio ovvero dell’esercizio commerciale ivi presente .

 Sono sicuro che è in fase di definitiva progettazione da parte della Pubblica Amministrazione , al netto degli espropri ,  il  grande  e  moderno rondò che partendo dall’invito stradale che conduce al recente intervento edilizio denominato “lottizzazione Albertini” – su via p.le San Vito , si aprirà e snoderà sino all’intersezione con via N. Brandi e via Egnazia mettendo così fine ai sinistri che interessano l’importante asse viario che è di penetrazione e di uscita sia dal centro urbano di Brindisi che dal quartiere Casale dove insistono uffici ed istituzioni a rilevanza  pubblica oltre che quattro grossi plessi scolastici di secondo grado . Tralascio l’esistenza della Caserma dei VV.F. alla cui uscita dei mezzi in emergenza gioverebbe anche , un rondò  .

Insomma e concludendo dopo l’avviata costruzione del rondò al quartiere Bozzano nell’asse viario di collegamento – dello stesso –  sia col quartiere Commenda che con il cavalcavia che , a doppie corsie conduce alla Z.I. , e dopo gli auspicati in fase di progettazione di viale Caduti di  Via Fani al quartiere S.Elia  a cui seguiranno , a breve , quelli di via Del Mare angolo P.tTa Lecce e quest’ultima con viale Arno , immaginabile è la creazione del rondò anche nel luogo in cui è pervenuta la segnalazione del lettore che andrebbe a riqualificarsi , tutt’uno , con i successivi rondò del quartiere Casale – stesso rettilineo di direzione principale di transito della SS. 16  , San Vito dei Normanni / Brindisi / Br . Casale / Aeroporto Militare .

Una città che cambia , urbanisticamente  parlando , deve avere a cuore e sta avendo a cuore la sicurezza stradale e quindi la sicurezza della circolazione sia dei pedoni che dei veicoli  ed i rondò o rotatorie ne rappresentano una certificata  certezza contribuendo così , anche , al calo del numero degli incidenti  .

 I cittadini ,  d’altro canto , devono rispettare con diligenza la segnaletica tutta adottando la massima prudenza dell’impegnare le intersezioni anche se con semafori in funzione”.

 Il   comandante la P.M.

Col Nigro   Teodoro

BrindisiOggi

Salone nautico di Puglia
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*