Redatta la bozza del Piano di Emergenza Esterna per il deposito GPL di Oria

ORIA – Redatta la bozza del Piano di Emergenza Esterna (PEE) relativo al deposito GPL di Oria gestito dalla GAS ITALIA SRL, stabilimento industriale a rischio di incidente rilevante connesso all’uso di sostanze pericolose, ai sensi del D.Lgs. n. 105/2015.

Il Piano di Emergenza Esterna, come noto, contiene le misure per gestire un’eventuale emergenza esterna derivante da un evento incidentale relativo al su citato sito industriale e contenere al massimo le conseguenze di un potenziale evento calamitoso sulla popolazione, nonché coordinare le attività di soccorso.

           La bozza di pianificazione è il risultato dell’attività istruttoria del Gruppo di Lavoro incaricato dal Prefetto di Brindisi, coordinato dal Dirigente dell’Area V – Protezione Civile – della Prefettura ed è stata predisposta d’intesa con gli Enti ed i Comandi territoriali interessati, sentito il Comitato Tecnico Regionale ed ARPA Puglia.

            Tale bozza  contiene le seguenti informazioni:

  • la descrizione e le caratteristiche dell’area interessata dalla pianificazione;
  • la natura dei rischi;
  • le azioni previste per la mitigazione e la riduzione degli effetti e delle conseguenze di un incidente;
  • le autorità pubbliche coinvolte e l’attribuzione dei rispettivi compiti;
  • le azioni concernenti il sistema degli allarmi in emergenza e le relative misure di autoprotezione della popolazione da adottare.

          Secondo quanto previsto nel Decreto del  Ministero dell’Ambiente 29 settembre 2016, n. 200, si avvia, ora, la fase della consultazione della popolazione.

A tal fine, la bozza di piano, redatta a cura del Gruppo di Lavoro incaricato dal Prefetto, comprensiva dei relativi allegati cartografici, predisposti dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, sarà  pubblicata sul  sito istituzionale  del Comune di Oria, all’albo pretorio comunale e sul sito istituzionale della Prefettura di Brindisi, all’interno della sezione “Protezione Civile”,  per  la durata di 30 giorni, a partire dal 16 maggio 2022.

Durante tale periodo, la popolazione potrà presentare al Prefetto, in forma scritta, anche mediante strumenti di comunicazione elettronica e telematica, osservazioni, proposte o richieste in merito alla pianificazione, depositandole al protocollo della Prefettura o inviandole al seguente indirizzo pec:

prefettura.prefbr@pec.interno.it

La relativa documentazione potrà essere visionata anche presso gli Uffici della Prefettura di Brindisi, sita in Piazza Santa Teresa, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 12:00, previo preavviso telefonico o inviando mail all’indirizzo: prefettura.brindisi@interno.it

Espletata la fase della consultazione pubblica, il Piano sarà adottato con decreto del Prefetto di Brindisi.

BrindisiOggi

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*