Sistema sanitario in ginocchio, la Puglia in guerra, Forza Italia chiede la sostituzione di Lopalco

BRINDISI –  Forza Italia la sostituzione dell’assessore alla sanità Lopalco.“9 giorni in media di attesa tra la richiesta del medico di base ed il tampone al paziente, ospedali ormai al collasso col blocco delle ambulanze, dati sui contagi ormai alle stelle: tanto basta per affermare, senza allarmismo ma con la dovuta oggettività, che la situazione in Puglia è fuori controllo. I medici di base lamentano scarsissime indicazioni e direttive da parte della Regione, ci sono cittadini costretti a rimanere in isolamento domiciliare per più di una settimana senza che venga effettuato il tampone, pazienti ventilati nei corridoi degli ospedali e personale sanitario davvero eroico che fa turni di lavoro massacranti”. Affermano il coordinatore e vice coordinatore regionale di Forza Italia Mauro D’Attis, e Dario Damiani.

“La Puglia è come se fosse entrata ora “in guerra” e francamente non abbiamo intenzione di fare polemica politica, ma ad Emiliano diciamo che l’assessore Lopalco non è in grado e non ha le competenze per gestire e organizzare il sistema sanitario in una situazione di emergenza – aggiungono – I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Lopalco diceva di evitare la “tamponite”, eppure oggi siamo una delle ultime Regioni d’Italia per numero di tamponi, quando è evidente che ci vorrebbe un tracciamento di massa per contenere il contagio. Abbiamo bisogno di un assessore competente in materia di organizzazione della rete sanitaria perché l’ospedale in Fiera del Levante è diventato l’emblema del l’inadeguatezza. Purtroppo, c’è da modificare la squadra in corsa perché la seconda ondata era prevista e prevedibile, eppure cosa ha fatto l’assessorato per garantire ai cittadini un servizio efficiente? Lo spiegherà Emiliano agli utenti che stazionano nei corridoi degli ospedali in queste ore, senza un posto letto, che Lopalco è un epidemiologo e non un conoscitore del sistema sanitario? Il presidente si sbrighi, prima che sia troppo tardi”.

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*