Su 1300 tamponi in Puglia 14 casi positivi, zero nella provincia di Brindisi

Poseidone articolo

BRINDISI – Solo 14 casi positivi in Puglia e zero nel Brindisino. Questo il dato riportato dal bollettino della Regione Puglia.  Si sono però registrati tre decessi con Covid -19 in tutta la Regione.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi lunedì 11 maggio in Puglia, sono stati registrati 1.338 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 14 casi, così suddivisi: 7 nella Provincia di Bari; 0 nella Provincia Bat; 0 nella Provincia di Brindisi; 5 nella Provincia di Foggia; 1 nella Provincia di Lecce; 1 nella Provincia di Taranto.

Da domani nella provincia di Brindisi bloccati i tamponi agli operatori sanitari a causa della mancanza dei reagenti. Un problema che sta investendo tutto il paese tanto che il commissario straordinario Arcuri ha annunciato che questa mattina avrebbe presentato una richiesta di offerta per chiedere alle imprese italiane ed internazionali  il numero massimo di reagenti che servono a fare 5 milioni di tamponi.

Intanto in tutta la regione sono stati registrati 3 decessi: 1 in provincia di Bat, 1 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Foggia.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 79.737 test. Sono 1.332 i pazienti guariti. 2.544 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.327 così divisi: 1.420 nella Provincia di Bari; 381 nella Provincia di Bat; 605 nella Provincia di Brindisi; 1.116 nella Provincia di Foggia; 505 nella Provincia di Lecce; 271 nella Provincia di Taranto; 28 attribuiti a residenti fuori regione; 1 per i quali è in corso l’attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

ITS LOGISTICA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*