Misure per le aziende, D’Attis: “Se questa è la bozza del decreto per le impresse sarà collasso”

BRINDISI – “Se il decreto riporterà quanto trapela sulla sospensione delle scadenze dei versamenti fiscali, sui fondi disponibili per la cassa integrazione e sul sostegno alle partite iva, ai professionisti e alle piccole e medie imprese, credo che sarà necessario modificarlo e anche velocemente”, ad affermarlo è il commissario regionale di Forza Italia Mauro D’Attis.

“E’ importante rafforzare l’intervento sanitario certamente a cominciare dalla dotazione di mascherine a tutti gli operatori sanitari e a quelli in prima linea, ma il nostro tessuto economico ha bisogno di ossigeno immediato altrimenti sarà una strage – aggiunge il parlamentare –  Quindi, nonostante molte delle proposte di Forza Italia e del centrodestra sembra siano state previste, è molto complicato accettare che lo Stato non sposti le scadenze fiscali almeno a dopo il 30 giugno e soprattutto che chieda ai contribuenti di versare tutto quello che ora non possono pagare tutto assieme e in piena crisi Covid-19 che, se va bene, supereremo dopo l’estate.mÈ irrisorio un sostegno una tantum di 500 euro alle partite iva così come è impensabile far gravare sugli imprenditori la sacrosanta cassa integrazione che deve essere in ogni caso corrisposta direttamente dallo Stato ai lavoratori e non anticipata dalle imprese dato lo straordinario momento di crisi.  In altri Paesi meno colpiti dal Covid-19 hanno già deciso misure ben più importanti per il mondo produttivo”.

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*